Qual è il costo di un ascensore per esterno?

Se hai deciso di installare un impianto di elevazione nella tua casa o nel tuo condominio, certamente ora ti stai chiedendo quanto influirà sulle tue risorse finanziarie. L’ascensore esterno è senza dubbio un’ottima soluzione da adottare quando all’interno manca un vano scale o non si ha lo spazio necessario per una corretta installazione. Inoltre, nella sua versione panoramica, può essere perfetto per esaltare un’immobile, renderlo unico e offrire una vista privilegiata sul paesaggio.

Sicuramente, installare un ascensore esterno è un grande passo che migliorerà la qualità della vita delle persone e permetterà di superare le barriere architettoniche. Eppure devi sapere che sul costo di un ascensore per esterno incidono diversi fattori.

In questo articolo, quindi, andremo a vedere nel dettaglio quali sono le variabili che possono aumentare o diminuire il prezzo, i costi indicativi di un impianto esterno, quali incentivi esistono per risparmiare e qualche suggerimento per scegliere l’ascensore giusto per la tua abitazione.

I fattori che incidono sui costi di un ascensore per l’esterno

Sono diverse le variabili che concorrono a determinare il prezzo finale di un sistema di elevazione esterno.

Ecco cosa bisogna considerare:

  • La tipologia dell’ascensore. Occorre scegliere se installare un impianto con motore elettrico o oleodinamico, considerando anche le condizioni climatiche. In territori con climi rigidi, l’ascensore elettrico a fune è più adatto rispetto alla soluzione oleodinamica perché l’olio che ne permette il funzionamento può risentire delle temperature e compromettere il buon funzionamento dell’impianto.
  • L’installazione. In questo caso bisogna considerare se l’elevatore sarà adiacente all’edificio o libero e se servirà una passerella per raggiungere i diversi piani.
  • Il numero dei piani da servire.
  • La struttura esterna di contenimento. Ogni materiale e tipologia di incastellatura può influire sul prezzo finale dell’ascensore.
  • I lavori di muratura. Da valutare anche interventi per creare gli accessi all’edificio.
  • La personalizzazione della cabina. Le finiture di pregio e i diversi materiali scelti per la realizzazione dell’ascensore, come vetri panoramici o a specchio, influiscono sul costo finale.
  • La coibentazione. Scegliere di isolare termicamente gli ambienti della cabina, incastellatura e le porte del piano avrà un costo, ma anche benefici a livello di risparmio energetico e consumi.

Con queste premesse si può stimare che il costo di un ascensore per l’esterno può variare dai 10 mila euro ai 40 mila euro, senza considerare le spese per le opere murarie.

Per fare un esempio, un ascensore esterno per una casa privata di tre piani può costare dai 30 mila euro in su. Il prezzo può diminuire se i piani da servire sono minori e in base alla tipologia di ascensore scelto; ma può anche alzarsi nuovamente a seconda delle finiture richieste. Un impianto panoramico di design, realizzato con materiali di pregio, aumenterà di certo il costo, ma offrirà un servizio e un valore aggiunto al tuo immobile.

Risparmia sul consumo e rispetta l’ambiente

Se, come abbiamo visto, il prezzo di un ascensore può variare in base a diversi fattori, una cosa certa è che scegliendo il giusto impianto di elevazione puoi ridurre notevolmente i consumi.

Pensa che un ascensore con motore gearless che varia la potenza necessaria in base al carico in cabina, richiede una potenza bassissima. Un esempio? Il nostro Suite Lift, nella versione elettrica con una portata di 300 kg, consuma 100 kW/h all’anno, con una potenza assorbita di soli 0,75 kW. Questo significa che, quando l’ascensore entra in funzione, consuma meno di un aspirapolvere!

Inoltre, non servirà richiedere un aumento di potenza per la casa o il condominio perché questo ascensore può essere utilizzato contemporaneamente ad altri elettrodomestici, rimanendo all’interno della capacità di una normale utenza domestica di 3 kW.

Infine, riducendo il consumo, o incrementando l’efficientamento della cabina, ridurrai gli sprechi rispettando l’ambiente che ti circonda.

Si tratta di un investimento importante che offrirà sicuramente dei benefici tangibili e migliorerà la qualità della vita degli inquilini.

Per questo bisogna fare la scelta giusta e non basarsi esclusivamente sul risparmio immediato. Meglio preferire un modello che rispecchia le proprie esigenze, il proprio gusto, l’architettura dell’immobile e comprendere i benefici che l’elevatore porterà nel medio e lungo periodo. Così facendo, l’ascensore può essere anche più costoso nelle fasi iniziali ma negli anni non ti pentirai della tua scelta!

Quale impianto scegliere? I vantaggi di installare un ascensore esterno

Abbiamo visto quanto può costare un impianto di elevazione per l’esterno e cosa può influire sul prezzo finale. Quali sono però i vantaggi che comporta l’installazione di un ascensore esterno e come possono influire sulla scelta finale?

I vantaggi sono principalmente questi:

  • Abbatte le barriere architettoniche e permette di superare gli ostacoli (come scale o gradini) in modo sicuro.
  • Consente di raggiungere piani alti senza fatica.
  • Migliora la qualità della vita delle persone che abitano in una casa o in un condominio.
  • Aumenta il valore dell’immobile.

Ora, a seconda delle tue necessità, potrai scegliere il tipo di impianto. Ad esempio, se abiti in una casa privata o in una villa di pregio e vuoi installare un ascensore esterno senza rovinare l’aspetto dell’immobile, puoi scegliere la versione panoramica del nostro Suite Lift per rispettare il design della struttura, meglio ancora con vetri coibentati per rendere l’ambiente confortevole e risparmiare sui consumi. Un ascensore che si presta bene anche all’installazione in condomini con più di tre piani e che, nella versione elettrica, è indicato anche nei territori in cui il clima, in inverno, raggiunge temperature sotto lo zero.

Approfitta del bonus!

Se hai deciso di installare un ascensore esterno potresti usufruire del bonus 75%. La nuova detrazione fiscale si applica per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 e vale sia per l’installazione di nuovi elevatori che per la loro sostituzione. In questo modo, se l’intervento rispetta tutti gli standard previsti, potrai risparmiare sul costo finale dell’elevatore scegliendo fra il rimborso fiscale in 5 anni o la cessione del credito.

Se, invece, nella tua casa o nel tuo condominio si stanno svolgendo altri lavori legati all’edilizia, l’installazione di un ascensore esterno potrebbe rientrare tra le opere trainanti del Superbonus 110%. Si tratta di un altro importante beneficio economico legato a lavori già avviati che ti permetterebbe di abbattere ulteriormente i costi per la realizzazione di un ascensore esterno.

Vuoi richiedere un preventivo e scoprire quanto potrebbe costare un ascensore esterno per la tua casa? Contattaci subito, il nostro team ti risponderà al più presto!