Stai pensando di installare un elevatore nella tua abitazione o nel tuo condominio?
Puoi beneficiare dei bonus per l’installazione dell’ascensore previsti dallo Stato, che vanno dalle detrazioni fiscali per l’abbattimento delle barriere architettoniche, fino al superbonus 110%.

Scopriamo quali misure sono riconosciute a chi installa un elevatore o una piattaforma elevatrice e quando è possibile richiedere i bonus.


3 tipologie di contributi per chi acquista un ascensore per la casa o per il condominio

I bonus per chi decide di installare un elevatore – che si tratti di un mini ascensore per la casa o di un ascensore per il condominio, per esempio – si possono suddividere in 3 tipologie. Vediamole insieme, partendo prima dalle agevolazioni “storiche” per chi acquista una soluzione che abbatte le barriere architettoniche, proseguendo poi con gli incentivi più recenti: bonus ristrutturazioni e superbonus 110%.

1. Agevolazioni fiscali e contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche

Già da diversi anni, chi decide investire in una soluzione in grado di abbattere le barriere architettoniche – per esempio, installando una piattaforma elevatrice per disabili o un ascensore per la casa (mini ascensore) – può beneficiare di due importanti agevolazioni fiscali: l’aliquota IVA al 4% e la detrazione IRPEF del 19%. Queste sono le agevolazioni per l’installazione di un ascensore per la casa più note, a cui si aggiungono anche i contributi statali a fondo perduto e per ottenerli bisogna rivolgersi agli uffici comunali preposti presentando un progetto che rispetti le dimensioni di cabina minime previste dalla Legge 13.

Aliquota IVA agevolata al 4%

Chi acquista piattaforme elevatrici idonee al superamento delle barriere architettoniche, gode di un’aliquota IVA agevolata pari al 4% (invece dell’IVA al 22%).

Se l’installazione della piattaforma elevatrice rientra tra gli interventi in cui è necessario presentare una pratica edilizia, per poter beneficiare dell’IVA agevolata, bisogna anche consegnare la copia del titolo edilizio abilitativo rilasciato dal Comune.
Desideri approfondire maggiormente l’argomento “pratiche e permessi”?
Ti invitiamo a leggere il nostro articolo che spiega quali pratiche presentare e quali permessi richiedere quando si decide di installare un ascensore per la casa.

Detrazione IRPEF al 19%

La detrazione IRPEF al 19% è un’importante agevolazione fiscale riconosciuta alle persone con disabilità e a chi ha fiscalmente a carico una persona disabile. È una misura in vigore ormai da molti anni, introdotta in virtù della Legge n° 13/1989 per l’eliminazione delle barriere architettoniche. 

L’agevolazione del 19% vale per l’acquisto di mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione, alla locomozione e al sollevamento delle persone con capacità ridotte di movimento autonomo. Quindi vi rientra anche l’installazione di piattaforme elevatrici per disabili, come Mini Suite, la piattaforma elevatrice a cielo aperto di Nova. 

Contributi statali per opere finalizzate al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche

Le persone con disabilità, oltre alle agevolazioni viste finora, possono anche partecipare alla graduatoria dello Stato per l’assegnazione dei contributi per le opere finalizzate al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche.

Possono presentare la richiesta di contributo sia le persone con un’invalidità certificata dall’ASL, sia chi ha difficoltà motorie tali da rendere molto faticoso salire e scendere le scale.

La priorità va a chi ha un’invalidità pari al 100% e il contributo copre totalmente il costo dei lavori, se l’importo è entro € 2.582,28.

Per importi fino a € 12.911,42 il contributo copre la parte eccedente i primi € 2.582,28 e la percentuale di contribuzione è del 25%.

Se invece la spesa è maggiore di € 12.911,42, l’aliquota è del 5%.

 

bonus ascensore

 2. Bonus ristrutturazioni edilizie 50%

Chi installa un ascensore o una piattaforma elevatrice può beneficiare anche della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. È un incentivo riconosciuto dal 2012 – inizialmente pari al 36%, poi innalzato al 50% e rinnovato nel corso degli anni – che permette a chi esegue una ristrutturazione edilizia di recuperare fino al 50% delle spese sostenute, sotto forma di detrazione fiscale in 10 anni.

Dunque, si tratta di una misura che consente un concreto risparmio economico a chi la richiede.

La detrazione del 50% è riconosciuta quando l’installazione dell’ascensore è stata fatturata e saldata e vale sia per la realizzazione di nuovi ascensori che per interventi sugli impianti già esistenti.

Al momento, la recente Legge di Bilancio ha prorogato il bonus del 50% per tutto il 2021 e vale dunque solo per gli importi realmente pagati – non solo su quelli fatturati – entro la data del 31/12/2021.

È importante ricordare, però, che la detrazione del 50% prevista dalla Legge di Bilancio e la detrazione IRPEF del 19% prevista dalla Legge n°13/1989 non sono cumulabili sulle medesime spese. Quindi sarà necessario scegliere tra l’una o l’altra. Per ulteriori informazioni sui tempi e le modalità di erogazione del bonus ristrutturazioni rimandiamo al sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

3. Superbonus 110% come intervento TRAINATO 

La Legge di Bilancio recentemente approvata ha prorogato anche il superbonus 110%. È l’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che aumenta fino al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 e che vale per diversi interventi, tra cui quelli per l’efficienza energetica, gli interventi antisismici, per l’installazione di impianti fotovoltaici e per l’installazione di un ascensore o del miglioramento di quello esistente.

La detrazione per le spese sostenute quest’anno (2021) è ripartita in 5 quote annuali, invece per le spese sostenute nel 2022 è ripartita in 4 quote annuali.

Si può beneficiare di questo incentivo fino al 30 giugno 2022 oppure fino al 31 dicembre 2022 nel caso in cui:

  • a installare l’ascensore sia un condominio;
  • sia stato terminato almeno il 60% dei lavori.

Anche l’installazione di sistemi per abbattere le barriere architettoniche rientra nel superbonus 110% ma come intervento trainato. Questo significa che, per poter richiedere la detrazione del 110%, è necessario:

  • che nell’edificio sia presente una persona con disabilità o anziana (over 65);
  • che insieme all’installazione dell’ascensore siano eseguiti anche lavori di miglioramento energetico, per esempio, l’applicazione di un cappotto termico per l’isolamento dell’edificio; 
  • che l’elevatore permetta di superare ed eliminare le barriere architettoniche presenti nell’edificio;
  • che l’elevatore sia accessibile e che quindi possano usufruirne anche le persone con disabilità.

Per approfondire le modalità di erogazione del superbonus 110% puoi consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

Elevatori e piattaforme elevatrici Nova 

Scopri la gamma Nova, la gamma di ascensori progettati e prodotti su misura in Italia, perfetti per dare comfort alla tua casa, al tuo condominio e per rendere accessibili con stile luoghi aperti al pubblico.